3 requisiti per piante sane
La crescita sana delle piante dipende sostanzialmente da tre fattori: un substrato efficiente contenente i giusti nutrienti, una luce adeguata e una buona qualità dell'acqua con sufficiente anidride carbonica.
© Tetra
“Nulla è possibile senza le piante”
Le piante acquatiche arricchiscono l'acquario in vari modi. A seconda delle vostre preferenze, potete scegliere tra piante che rendono il vostro acquario simile a una giungla o a un arido deserto. In ogni caso, queste piante affascinanti non sono solo belle. Svolgono anche diverse importanti funzioni biologiche poiché:

  • forniscono ossigeno agli organismi,
  • decontaminano l'acqua, grazie all'aiuto dei batteri,
  • offrono ai pesci riparo e luoghi adatti alla deposizione delle uova.

Proprio come pesci, gamberetti e gamberi, anche le piante dell'acquario per essere belle e sane hanno le loro necessità specifiche in termini di luce, anidride carbonica e nutrienti, e questo dal primo istante in cui vengono piantate. Quando si allestisce un acquario è quindi importante prendere in debita considerazione le esigenze delle piante.
1° prerequisito: creare delle solide basi - il substrato adatto
© Tetra
1° prerequisito: creare delle solide basi - il substrato adatto

All'inizio, è bene scegliere un substrato favorevole alla formazione delle radici, così da assicurare una buona tenuta delle piante. 

Assicuratevi di usare ghiaia sterile quando collocate delle piante per la prima volta: in questo modo impedirete la diffusione di batteri o agenti contaminanti. Tuttavia, un substrato sterile non contiene i preziosi minerali e oligominerali fondamentali per una crescita più moderata e un nutrimento costante. Utilizzare un substrato concentrato già pronto, completo di minerali e oligominerali, assicurerà non solo la crescita moderata delle piante ma anche la loro salute. Di tanto in tanto è inoltre opportuno fertilizzare le piante.

2° prerequisito: luce energizzante - la luce adatta
La luce è fondamentale per consentire alle piante di attivare il processo di fotosintesi. È così che producono l'ossigeno necessario al loro sostentamento e a quello degli altri organismi. Le lampade a luce diurna per acquari producono un'illuminazione molto simile a quella del sole, rendendo possibile il processo spontaneo di fotosintesi. L'acquario ha bisogno di 10-12 ore di luce al giorno, poiché la maggior parte delle piante acquatiche proviene da luoghi in cui le giornate sono molto lunghe. Inoltre, in linea di massima, occorrono almeno 0,5 watt per ogni litro d'acqua.
© Tetra
3° prerequisito: anidride carbonica come fonte di zuccheri - una fonte di energia necessaria
Respirando, gli organismi producono anidride carbonica che, in combinazione con l'acqua e la luce, viene utilizzata dalle piante come fonte di nutrimento per sintetizzare gli zuccheri. È quindi vitale per assicurare la crescita delle piante. Ogni acquario ha però determinati requisiti in merito alla CO2. Ad esempio, le vasche ricche di piante a crescita rapida necessitano di maggiore CO2. Affinché gli organismi di un acquario possano prosperare in modo sostenibile, la concentrazione a lungo termine di CO2 deve essere compresa tra 5 e 15 mg/ml.

N.B.: evitate di scegliere piante selvatiche per il vostro acquario

Le piante selvatiche si trovano in vari luoghi – una grande varietà di specie autoctone cresce nei corsi d'acqua, nei laghetti da giardino e nei laghi. Attenzione però: è errato pensare di poter trasferire senza problemi queste specie in un acquario. 

Le piante autoctone selvatiche sono spesso delle specie protette e sovente sono inadatte agli acquari d'acqua dolce. Inoltre, germi, parassiti e alghe potrebbero essere trasferiti dai laghetti e dai corsi d'acqua agli acquari. È quindi opportuno acquistare le piante in negozi specializzati che, oltre a disporre delle varietà più belle, offrono anche i consigli migliori in merito alla loro cura. Ad esempio, un rivenditore potrà dirvi qual è la combinazione di piante che funziona meglio.

LBLAUTHOR: Tetra GmbH
LBLCREATEDAT: 27.10.2016